Cosa mi ha insegnato la storia della startup “Monkey Parking”

Leggete prima il post che racconta i retroscena di Monkey Parking, la startup che da Roma è approdata a San Francisco grazie alla collaborazione con Mind the Bridge.

Quando alcuni mesi fa lessi su TechCrunch e Mashable di Monkey Parking rimasi stupito.
Mi chiesi:

“Come hanno fatto questi ragazzi ITALIANI ad arrivare così in alto?”

Ok, c’era dietro la collaborazione con MtB.

Da questo articolo ho imparato che:

  • Il modello di business giusto lo trovi solo provandolo sul campo.
  • E’ importante testare il modello di business nel posto giusto .
    In questo caso l’Italia (parcheggiatori abusivi tollerati dalle autorità, nessun rispetto delle regole e parcheggi in terza fila, …) non era certamente il paese in cui applicare il pivot che avete letto nell’articolo.
  • Anche l’incubatore fa la sua differenza . Mi chiedo quante startup di H-Farm siano state recensite da TechCrunch.
  • Mai perdersi d’animo , se hai il team giusto.
  • Il fatto che avrai degli imprevisti è l’unica cosa che puoi prevedere. Monkey Parking è stato considerato illegale (alla stregua dei parcheggiatori abusivi),
  • Ma se ormai sei una star, sfrutta i pranzi coi grandi investitori per fare il tuo prossimo business

Mi restano alcuni interrogativi che la lettura dell’articolo mi ha nuovamente stimolato.

Ma se vuoi avere successo devi proprio andartene da questo paese?
Possibile che non si possano cambiare le cose?

Domande a cui per ora non ho ancora una risposta da darmi.
Fino ad ora, ad essere sinceri, ho ascoltato molte chiacchiere.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.