Il tuo brand è ciò che i tuoi clienti dicono.

Osservate bene la foto prima di continuare a leggere.

E tremate, perchè quello che state per leggere potrebbe far crollare ogni vostra certezza su chi governa la comunicazione sul vostro brand.

Inizio dal finale: a governare la comunicazione sul vostro brand sono i vostri clienti, soprattutto quelli scontenti con 16 volte le motivazioni di quelli contenti.

Siete terrorizzati?. Non dovreste dato che ormai, anche se siete dei piccoli industriali italiani, dovreste aver capito che con internet la comunicazione è piu’ libera che mai.
Ma se ancora non lo avete capito, ed il budget di quest’anno lo avete dedicato ad un nuovo redazionale o al remake del vecchio sito, allora fareste bene ad esserlo.

Non comprate quel prodotto!

La crisi è nulla in confronto a quello che può farvi oggi un cliente scontento.
Fingiamo che la vostra azienda si chiami “Mario Rossi Arredamenti” (è un nome di fantasia – poca tra l’altro).

Vi piacerebbe scoprire che esiste un sito a voi intitolato?

Pensateci bene prima di rispondere, perchè il sito potrebbe essere “NON-COMPRATE-DA-MARIO-ROSSI-ARREDAMENTI.blogspot.com”.

Il cliente ha sempre ragione.

Smorzate pure il vostro ego e abbondonate l’idea di far causa per diffamazione. Se avete sbagliato nessuno vi sta diffamando.
Avete sbagliato e basta.

Un consiglio gratuito: chiedete scusa subito e preoccupatevi seriamente di risolvere il problema al vostro cliente.

“Tanto a me non succederà mai..”

.. deve essere quello che pensava anche questo imprenditore.

Per un secondo immaginate di poter far esplodere il server che ospita il sito incriminato

BOOM. E potete tirare un bel sospiro di solievo. Giusto? No sito, no crisi del brand.

Vi piacerebbe vero? Purtroppo non è così.
No, perchè nel frattempo la notizia è stata ripresa da altri blog, ha girato su vari forum ed è esplosa letteralmente su facebook.

Molto probabilmente qualcuno sta già aprendo una pagina proprio con quel titolo maledetto e a meno che voi non siate in possesso di un satellite militare armato di testate nucleari, scordatevi di poter far esplodere anche quei milletrecento server lì.

Già, le notizie girano

P.S:

non cliccate sul link se siete facilmente impressionabili alla vista di un brand morente.
ah, l’invettiva non vi aiuterà.

Massima del giorno:

Per chi si occupa di comunicazione, gli ultimi 29 giorni del mese sono sempre i piu’ duri.
Nikola Tesla. 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.