Clicca per Ingrandire

C’è un po’ di confusione a proposito di questi termini.
Spesso ho trovato discussioni aperte che cercavano di definire questi termini come fossero soluzioni contrapposte ad uno stesso problema.

In realtà quando si parla di Responsive Design, si sta parlando di una sotto categoria dell’Adaptive Design.
L’Adatptive Design (o Design Adattivo) si ottiene mediante Responsive Design e Progressive Enhancement.

Lo scopo dell’Adaptive Design è quello di fornire all’utente la miglior esperienza utente possibile  su ogni schermo e device.
Ci sono vari modi per ottenere questo risultato ed ognuno può essere mixato con gli altri.

Non esiste un unico modo per fare la stessa cosa, ma decine o centinaia di modi differenti.
Esistono però delle best practice, che passano per la semantica dell’HTML5 e le nuove funzionalità di CSS.

L’unico punto fermo è che non sapremo mai come l’utente utilizzerà la nostra applicazione (o sito web).
Potrebbe farlo  mediante uno smarphone (già, ma quale?), un tablet, una TV, un PC, ebook reader o uno screen nell’auto (navigatore, computer di bordo).
Ognuno di questi device ha caratteristiche peculiari, velocità di CPU e capacità di memoria, così come risoluzione video e dimensione dello schermo.

Non ci sono standard cross-device, ma neppure all’interno degli stessi device.

Android? Non ne esiste uno, ma infiniti. Ogni device ha le sue caratteristiche funzionali e costruttive, così come le varie versioni del sistema operativo.
Ma non crediate che le cose vadano meglio con iOS di Apple o con gli stessi PC. Quanti browser esistono? Migliaia.

Quindi, la prossima volta che vi chiederanno di sviluppare un sito internet dovreste chiedervi: funzionerà sull’emulatore VIC20 che gira sul Nexus 7?

P.S.
mi si apre un’altra questione: secondo voi è possibile preventivare un sito web a 500 euro?

Categories: UX-UI

One comment

Responsive Design e Adaptive Design: Qual è la differenza?

  1. ora mi è più chiaro.

    Per il tuo PS – Si si può preventivare un sito a 500 euro … molti lo fanno anche il sottoscritto, la domanda è un'altra, cosa si dovrebbe dare per 500 euro?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.